martedì 25 novembre 2014

Squallide banalità

di Carla Corsetti


È impressionante il tenore delle banalità inanellate dal monarca Bergoglio nel discorso pronunciato davanti al Parlamento Europeo.
Sembrava che quelle parole fossero rivolte agli studentelli di una assemblea liceale cattolica e non ad una Assise parlamentare.
L’attenzione ai poveri, implorata dal proprietario dello IOR e dell’Obolo di San Pietro, è stata una autentica presa per i fondelli.
Ha rimproverato all’Europa di essere “invecchiata”, e questa osservazione, pronunciata da un Capo di Stato di una monarchia che di moderno ha solo il sistema di riciclaggio del denaro, ha richiamato alla memoria il classico aforisma della pagliuzza nell’occhio dell’altro e la trave nel proprio.
Di dubbia interpretazione potrebbe apparire il richiamo ad una “cornice giuridica chiara” se non fosse che nello Stato del Vaticano il diritto canonico prevale su quello civile e su quello penale.
Il livello più scadente lo ha toccato quando ha parlato di “dignità trascendente”, come se fosse un parroco di paese al catechismo.
Nel giorno in cui si celebra la Giornata mondiale della violenza sulle donne, non si è dimenticato di parlare dei “bambini uccisi prima di nascere” invitando, di fatto, i parlamentari europei a negare alle donne il diritto all’autodeterminazione.
Invitarlo al Parlamento europeo è stato un gesto politicamente scorretto.
Applaudire alle scempiaggini dette, è stato vile.


All'articolo di Carla Corsetti è possibile aggiungere semplicemente che, rivedendo le riprese televisive del preteso "evento", la sensazione che se ne ricava è quella di una regia pianificata a tavolino, dove gli applausi partivano più per "copione" che in maniera spontanea, almeno a giudicare dalle facce e dall'atteggiamento degli europarlamentari. Squallore nello squallore.

Nessun commento:

Posta un commento